Area riservata

23 Agosto 2011

Ecco cosa fare!

Avete prenotato un albergo di lusso che poi si è rivelato una struttura fatiscente e non all’altezza di quanto previsto da catalogo? Non avete goduto di escursioni previste da contratto? Insomma se vi hanno rovinato le vacanze e siete tornati più arrabbiati e stressati di prima, ecco cosa dovete fare per far valere i vostri diritti.

Innanzitutto chi risponde dei disservizi subiti in vacanza?

Il nuovo codice del turismo afferma che in caso di mancato o inesatto adempimento degli obblighi assunti col contratto di vendita del pacchetto turistico, la responsabilità ricade sia sull’organizzatore, sia sul venditoreed entrambi sono tenuti al risarcimento del danno, in base alle loro rispettive responsabilità, a meno che questi non dimostrino che la mancata o inesatta esecuzione del contratto è dipesa dal turista o da fatti terzi imprevedibili o inevitabili, non imputabili a loro.

Quali sono le azioni da intraprendere?

In vacanza:

- innanzitutto dovete documentare l’accaduto con foto, filmati, raccogliere prove e testimonianze;

- presentate immediatamente in loco ai referenti del vostro Tour operator un reclamo per iscritto nel quale descrivete e documentate i disservizi subiti. Questo al fine di porre subito rimedio, ove possibile, al disagio;

Rientrati a casa:

- nel caso non sia stato posto rimedio al disservizio, una volta rientrati dalle vacanze, entro e non oltre 10 giorni lavorativi, è possibile sporgere reclamo mediante l’invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno sia al Tour operator, sia all’agenzia di viaggio in cui vengono denunciati i danni subiti e viene richiesto un equo risarcimento. Se nella lettera viene indicato un termine entro cui l’organizzatore o l’intermediario devono rispondere, la lettera vale anche come atto di messa in mora e decorso tale termine il turista, che non ha ricevuto risposta al reclamo, può agire per vie legali.

Cos’è il danno da vacanza rovinata?

Il nuovo codice del turismo introduce con un articolo specifico il “danno da vacanza rovinata” affermando che, ove il mancato o inesatto adempimento delle prestazioni contrattuali non siano state di scarsa importanza, il turista può richiedere oltre al rimborso patrimoniale anche un risarcimento morale per lo stress e il mancato godimento delle vacanze, in relazione al tempo della vacanza inutilmente trascorso e all’irripetibilità dell’occasione perduta.

Per maggiori o per richiedere assistenza contatta i nostri Sportelli del Turista dislocati sul territorio o scarica L'app del turista, l'applicazione gratuita che offre informazioni, curiosità e consigli per essere sempre tutelati in vacanza

E per saperne di più visita il sito checkupdiritti.it o chiama il numero verde 800.168.566.

Progetto “Check-up diritti” realizzato dalla Casa del Consumatore in collaborazione con Acu, Altroconsumo e Codici, grazie al contributo del Ministero dello Sviluppo Economico.

Condividi

FacebookTwitterLinkedin
© AntWorks - siti e software web 3 Media Studio Web Design