Area riservata

25 Febbraio 2013

Ecco le istruzioni e il modello per l’insinuazione al passivo

Scade il 25 marzo prossimo il termine per chiedere al Tribunale di Milano di essere ammessi alla procedura fallimentare di Agenzia Debiti.

La Casa del Consumatore, in collaborazione con gli avvocati di Diritto Semplice, ha predisposto e reso disponibili online i moduli da compilare per effettuare l’istanza di ammissione al passivo.

I moduli sono scaricabili gratuitamente dagli associati della Casa del Consumatore (ricordiamo che l’iscrizione costa 40€ e dura un anno e si attua compilando il form sul nostro sito).

Come si deve procedere?

La modulistica, da compilare on line denominataFallimento Agenzia debiti – istanza di ammissione al passivoè disponibile sul sito www.dirittosemplice.it.

1. Effettuate la registrazione sul sito www.dirittosemplice.it.

2. Se siete già associati alla Casa del Consumatore inviate via mail a info@casadelconsumatore.it, la richiesta per essere abilitati a scaricare gratuitamente il modulo;

3. Compilate il modulo Fallimento Agenzia debiti – istanza di ammissione al passivo, dal sito diritto semplice, in ogni sua parte, stampatelo e firmatelo;

4. allegate ogni documentazione utile a dimostrare il vostro credito e le somme già pagate e quelle ancora da pagare, ovvero:

- copia del contratto (o dei contratti) con Agenzia Debiti;

- eventuale corrispondenza (mail o simili) che dimostri l’inadempimento di Agenzia Debiti;

- copia degli assegni o cambiali consegnati e prova del pagamenti fatti;

- se avete fatto una denuncia/querela, allegatela in copia.

- inviate tutta la documentazione, entro la scadenza del 25 marzo 2013, mediante raccomandata A/R al seguente indirizzo: Cancelleria del Giudice Delegato dott. Irene Lupo, Tribunale di Milano, Sezione fallimentare, via C. Freguglia n. 1, 20122 Milano.

 

A quali clienti conviene spedire l’istanza?

Devono spedire l’istanza tutti coloro che hanno pagato servizi di consulenza ad Agenzia Debiti ma non li hanno ricevuti, del tutto o in parte. L’invio dell’istanza potrà consentire di riavere indietro i propri soldi, se il Curatore del Fallimento riuscirà a recuperarne. La presentazione dell’istanza ha inoltre il fine di evitare che il Fallimento riprenda l’incasso di assegni e cambiali consegnati dai clienti ad Agenzia Debiti per pagare i servizi promessi.

Cosa succede se non si invia l’istanza?

Chi non invia l’istanza di ammissione al passivo non parteciperà alla distribuzione di eventuali somme ricavate dal Fallimento, non avrà diritto ad alcuna restituzione di soldi e sarà obbligato a pagare tutte le somme ancora eventualmente dovute ad Agenzia Debiti, anche per effetto dell’incasso di assegni e cambiali consegnate alla società.

Cosa si deve chiedere con l’istanza?

Come detto sopra, posso fare istanza tutti coloro che, a fronte dei servizi promessi da Agenzia Debiti, non ne hanno ricevuti o li hanno avuti in maniera e misura inadeguata rispetto agli accordi. Chi si trova in questa situazione, deve comunicarlo al Fallimento, facendo presente l’inadempimento di Agenzia Debiti e chiedendo in conseguenza la risoluzione del contratto, la restituzione delle somme indebitamente pagate, la definitiva cessazione dei pagamenti e la restituzione di cambiali e assegni consegnati alla società.

Per ogni eventuale richiesta di aiuto o chiarimenti potete contattare Casa del Consumatore.

 

Progetto "Potenziare, migliorare, qualificare l’attività delle associazioni dei consumatori lombarde” finanziato dalla Regione Lombardia con i fondi del Ministero dello Sviluppo Economico (D.M. 28 maggio 2010), realizzato dalla Casa del Consumatore in collaborazione con le altre Associazioni dei consumatori lombarde. 

Condividi

FacebookTwitterLinkedin
© AntWorks - siti e software web 3 Media Studio Web Design