Area riservata

05 Settembre 2013

Prorogato il termine per presentare domanda di conciliazione

Buone notizie per tutti i clienti della Banca Popolare di Milano, che non sono riusciti a presentare domanda di conciliazione entro il 30 aprile 2013 per le obbligazioni Convertendo.

La BPM, infatti, visto il crescente numero di richieste pervenute, ha deciso di prorogare il termine per la presentazione delle domande di ammissione alla procedura conciliativa, fino al 31 dicembre 2013.

La Casa del Consumatore, avendo sottoscritto il protocollo di conciliazione con la Banca Popolare di Milano, offre la propria assistenza e consulenza per tale procedura.

Coloro quindi che intendono presentare domanda di conciliazione ed essere assistiti dalla nostra Associazione, possono scaricare i seguenti moduli, da compilare e presentare alla propria filiale BPM con tutta la necessaria documentazione:

- Modulo DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA PROCEDURA DI CONCILIAZIONE

- Modulo MANDATO AD ASSOCIAZIONE

Ricordiamo che la procedura di conciliazione riguarda il prestito obbligazionario denominato “Convertendo BPM 2009/2013 - 6,75%”.

Possono aderire alla procedura e presentare la relativa domanda di ammissione:

- i clienti persone fisiche che, nel periodo compreso tra il 7 settembre 2009 ed il 30 dicembre 2009, hanno sottoscritto obbligazioni del Convertendo presso una filiale delle Banche del Gruppo BPM (ossia, oltre alla Capogruppo, la Banca di Legnano– incorporante la CR Alessandria – e la Banca Popolare di Mantova);

- i clienti persone fisiche che, nel periodo compreso tra il 15 giugno 2009 ed il 16 luglio 2009, hanno acquistato diritti di opzione su obbligazioni del Convertendo presso una filiale delle Banche del Gruppo BPM.

Sono invece esclusi dalla procedura gli investitori istituzionali e coloro che, essendo già azionisti di BPM, abbiano esercitato i propri diritti di opzione spettanti in relazione alle obbligazioni del Convertendo nel periodo compreso tra il 15 giugno 2009 ed il 3 luglio 2009 o abbiano acquistato, in qualunque momento, ulteriori diritti di opzione a integrazione di quelli loro assegnati, nonché i clienti che hanno acquistato il Convertendo in internet.

Un’apposita Commissione di Conciliazione (composta da un esponente della Banca e da uno dell’associazione di consumatori) procederà poi all’analisi dei singoli casi e, ove i conciliatori ne verifichino concordemente i presupposti, formulerà al cliente una proposta di conciliazione.

In caso di accettazione della proposta, il pagamento della somma pattuita è previsto entro trenta giorni lavorativi dalla data di ricevimento dell’accettazione da parte della Segreteria tecnica.

Ove la proposta non dovesse invece essere accettata, il cliente riprenderà piena libertà di adottare tutte le iniziative che riterrà più opportune.

Al fine di determinare la percentuale dell’eventuale rimborso, la posizione del cliente sarà ricondotta dalla Commissione in una delle tre categorie previste dal Protocollo che prevedono differenti misure di rimborso:

● Categoria A: rimborso massimo sino al 100% della perdita;

● Categoria B: rimborso massimo sino al 60% della perdita;

● Categoria C: nessun rimborso.

 

Per aderire, chiedere informazioni o aiuto nella compilazione dei moduli, potete contattare la Casa del Consumatore al numero 848/787838.

 

Progetto "Potenziare, migliorare, qualificare l’attività delle associazioni dei consumatori lombarde” finanziato dalla Regione Lombardia con i fondi del Ministero dello Sviluppo Economico (D.M. 28 maggio 2010), realizzato dalla Casa del Consumatore in collaborazione con le altre Associazioni dei consumatori lombarde. 

Condividi

FacebookTwitterLinkedin
© AntWorks - siti e software web 3 Media Studio Web Design