Area riservata

14 Gennaio 2014

Grazie agli ecobonus sempre piu' famiglie hanno deciso di richiedere prestiti per la ristrutturazione della casa e l’acquisto di mobili.

Il 2013 è stato l’anno degli ecobonus, ovvero le detrazioni fiscali applicate alle spese relative agli interventi di ristrutturazione casa o all’acquisto di mobili. Per approfittare di queste agevolazioni sempre più italiani effettuano la ricerca di una finanziamento utilizzando internet per trovare le migliori offerte. Mettendo i prestiti più convenienti a confronto, infatti, è semplice individuare in pochi minuti una valida opportunità.

A dirlo è l'ultimo studio dell'Osservatorio SuperMoney, l’unico portale di comparazione accreditato Agcom, che ha preso in analisi circa 160 mila richieste di finanziamento inoltrate sul portale durante il 2013. Secondo quanto emerso dalla ricerca, infatti, durante l’anno appena terminato i prestiti finalizzati alla ristrutturazione della casa sono aumentati del 25%, mentre i finanziamenti per l’acquisto di mobili nuovi hanno visto un incremento di circa il 30%. Questo trend positivo è stato possibile grazie alle offerte di Agos, Findomestic, Compass e delle altre finanziarie che hanno concesso liquidità per questi investimenti sulla casa.

Nel dettaglio, l’aumento di richiesta di prestiti è stato calcolato confrontando i dati di primo e secondo semestre dell’anno. Nei primi sei mesi del 2013, infatti, i finanziamenti per ristrutturare casa rappresentavano il 13,93% del totale, mentre nel secondo semestre la quota era cresciuta al 17,40%. Per quel che riguarda i prestiti di acquisto mobili, invece, è stato rilevato un aumento dall'8,21 al 10,69%, sempre nello stesso periodo dell’anno.

Gli ecobonus, quindi, hanno fatto bene all’economia italiana e hanno spinto molte famiglie a progettare interventi di ristrutturazione della propria abitazione. Grazie alle detrazioni fiscali, infatti, è possibile recuperare fino al 50% della spesa sostenuta per effettuare i lavori o per acquistare nuovi mobili. Il rimborso da parte dello Stato avverrà in 10 anni attraverso quote di uguale importo. A sottolineare l’importanza di questo provvedimento è intervenuto Andrea Manfredi, Amministratore Delegato di SuperMoney.

"La proroga del cosiddetto ecobonus ha sicuramente sortito un effetto positivo – ha dichiarato Manfredi – Gli italiani sono tornati ad avere fiducia nel credito bancario, forti della possibilità di ammortizzare l'investimento sulla propria casa grazie alle detrazioni fiscali".

"Gli istituti di credito non potevano del resto non adeguarsi alla nuova normativa – ha concluso – Sebbene siano sempre esistiti prestiti e mutui dedicati alla ristrutturazione immobiliare, questi sono stati oggetto di speciali campagne promozionali nell'ultimo anno. Probabilmente accadrà anche nel 2014, poiché gli stessi sgravi fiscali sono stati confermati. Chi può, fa sicuramente bene ad approfittare delle proposte di prestito: è importante tuttavia valutarne con attenzione le condizioni contrattuali per assicurarsi che l'investimento non diventi più oneroso del previsto".

A testimoniare la rinnovata fiducia degli italiani verso questo tipo di investimenti c’è anche il dato che indica come, oltre alle richieste, sia aumentato l’importo medio dei prestiti per ristrutturare casa. Nel primo semestre dell’anno, infatti, la cifra media richiesta era di 21.279,69 euro, ma l’importo era destinato a salire fino a 22.365,64 euro nel secondo semestre (+5,1%). Trend positivo anche per i finanziamenti per l’acquisto di mobili che sono cresciuti da un importo medio di 22.098,88 euro a 22.621,71 euro (+2,37%).

Condividi

FacebookTwitterLinkedin
© AntWorks - siti e software web 3 Media Studio Web Design