Area riservata

13 Marzo 2015

Il nuovo ddl toccherà il campo delle assicurazioni: da Aprile verrà eliminato il tagliando cartaceo sul parabrezza, ecco il perché

Il mondo delle assicurazioni sarà rivoluzionato dal nuovo ddl sulle liberalizzazioni, in fase di approvazione: le novità saranno rappresentate da un regime di concorrenza e molti sconti per gli utenti.

Ma vi è anche un importante cambiamento che entrerà in vigore da aprile, l’eliminazione del tagliando cartaceo da esporre sul parabrezza. Dopo aver messo Direct Line e i suoi prodotti assicurativi a confronto con quelli di Quixa, Genialloyd e delle altre compagnie, il consumatore non dovrà più preoccuparsi di esporre sulla propria vettura il classico tagliando assicurativo, il tutto grazie al nuovo sistema Targa System, richiedente un semplice indirizzo mail.

Un grande fratello per controllare tutte le vetture in circolazione

Con Targa System la targa dell’auto diverrà una carta d’identità del veicolo, grazie ad un sistema incrociato fra i database delle forze dell’ordine, dei ministeri e delle Agenzie delle Entrate. Al momento il sistema è disponibile solo tramite la consultazione di un pubblico ufficiale, ma è in fase di studio un progetto per rendere autovelox e controlli per le ZTL un unico grande fratello per monitorare tutte le auto in circolazione.

Targa System farà i controlli e segnalerà i risultati ai computer della Polizia; pesanti sanzioni in arrivo per i trasgressori: 841 euro e sequestro della vettura in caso di assicurazione scaduta, 168 euro in caso di mancata revisione, sospensione della patente e confisca del veicolo nel caso in cui l’assicurazione si rivelasse falsa.

Nuovi sconti sulle polizze in vista

Oltre ai già presenti sconti sulle assicurazioni come la presenza della scatola nera e dell’antifurto satellitare, sarà disponibile un ulteriore risparmio nel caso l’assicurato decida di installare “alcol stop”, un dispositivo in grado di impedire l’avviamento della vettura in caso di ebbrezza; inoltre sarà possibile pagare meno le polizze facendo riparare le auto incidentate presso officine convenzionate. Sconti in vista anche per chi si rivolgerà alle compagnie assicurative per tutte le pratiche legate ai soccorsi e alle cure mediche.

Cambiamenti anche per le compagnie: non potranno più applicare prezzi di favore verso clienti affezionati, proibendo di fatto una pratica molto diffusa in Italia.

Carrozzieri infuriati: “Ma quale liberalizzazione?”

Dura la reazione dei carrozzieri di Anc Confartigianato, che il 10 marzo hanno proclamato lo stato di mobilitazione contro la riforma, in quanto in essa vedono solo un tentativo di favorire le compagnie di assicurazioni. Antonio Malpeli, presidente dei carrozzieri di Confartigianato Emilia Romagna, sostiene che l’obiettivo del ddl non sia ampliare l’offerta, ma solamente mettere fuori gioco le carrozzerie non disposte a firmare convenzioni con le assicurazioni.

Si verifica inoltre in questo modo un grave e palese conflitto d’interesse per le assicurazioni che, per legge, sono in obbligo di risarcimento del danno e di non occuparsi direttamente della riparazione.

Condividi

FacebookTwitterLinkedin
© AntWorks - siti e software web 3 Media Studio Web Design