Area riservata

16 Marzo 2016

Non sai come stipulare una polizza auto a consumo? Si tratta di un’operazione molto semplice. Ti spieghiamo noi come fare

Hai sentito parlare di polizza auto a km ma non sai come funzioni o cosa fare? Nessun problema. Ti spieghiamo noi come stipulare un’assicurazione auto a consumo aiutandoci con la guida degli esperti di SuperMoney. Si tratta di un’operazione molto semplice: prima di tutto devi trovare l’assicurazione che vada maggiormente incontro alle tue esigenze.

Dopodichè, al momento della stipula del contratto dovrai dichiarare:

- il tipo di utilizzo della vettura,

- le garanzie da inserire nella polizza

- una stima dei chilometri che si percorrono in un anno;

Scatola nera e tutela della privacy

La stipula dell’assicurazione auto a consumo comporta l’installazione sul proprio veicolo della scatola nera, un dispositivo elettronico di registrazione dati installato all’interno dell’auto che monitora e registra tutte le informazioni relative al veicolo e al suo conducente. Tutti i dati vengono inviati via satellite ad un database che li conserva per dare alla compagnia la possibilità di analizzarli.

Molti automobilisti temono che la scatola nera invada la propria privacy controllando spostamenti e trasferendo qualsiasi tipo di dato alle compagnie assicurative. Si tratta di preoccupazioni errate in quanto questo dispositivo GPS non registra il tragitto percorso dal veicolo, ma individua esclusivamente i chilometri percorsi dall’automobile.

Inoltre, a tutela della riservatezza dei consumatori, interviene il Garante della Privacy, che con la legge del 22 Maggio 2012 ha fissato dei vincoli per le imprese assicurative. Quest’ultime potranno quindi trattare i dati personali di soggetti identificati, esclusivamente in caso di incidente o in occasione delle scadenze contrattuali.

Quanto costa l’assicurazione auto a km e a chi conviene?

La polizza su base chilometrica conviene solo a chi non utilizza spesso l’automobile o comunque non supera il limite di chilometri previsti dalla propria compagnia per questa tipologia di copertura assicurativa. In questo caso, il premio può arrivare anche a dimezzarsi.

In linea di massima si può affermare che questa polizza è consigliata a chi percorre meno di 5 mila km annui. Per medie comprese fra i 5 e i 10 mila km, è opportuno verificarne la reale convenienza esaminando nel dettaglio le condizioni contrattuali. Sopra i 10 mila km è meglio scegliere una polizza tradizionale.

Il costo dell’assicurazione auto a km innanzitutto è calcolato in base all’età, al sesso, alla residenza e alla classe di merito, ma è proporzionale ai km dichiarati. Il costo dell'assicurazione auto a km viene definito in base a delle fasce chilometriche di percorrenza. Il contraente sceglierà quella più vicina alle proprie reali esigenze e pagherà la quota forfettaria indicata nel contratto. Nel caso in cui si superasse il limite di km previsto, la compagnia addebiterà un costo aggiuntivo calcolato sulla base delle distanze percorse in eccesso.

Condividi

FacebookTwitterLinkedin
© AntWorks - siti e software web 3 Media Studio Web Design