Area riservata

18 Gennaio 2017

Hai mai sentito parlare dei prestiti online tra privati? Tassi più bassi, esito immediato ed erogazione rapida: ma sono davvero sicuri e affidabili?

Negli ultimi anni il settore creditizio si è arricchito di tantissime novità, tra cui i prestiti online tra privati. Si tratta di finanziamenti richiesti ed erogati tramite apposite piattaforme web specializzate, che hanno il compito di mettere in contatto richiedenti e prestatori senza l’intermediazione delle banche.

Questi finanziamenti fanno parte delle varie tipologie di prestiti online, tanto apprezzate dai consumatori proprio perché permettono di risparmiare tempo e ricevere l’esito in uno o due giorni al massimo. E se è vero che i prestiti online offerti da banche e finanziarie risultano già più convenienti di quelli offerti tramite i canali tradizionali, i prestiti tra privati sono in grado di proporre tassi persino più convenienti.

Nonostante questo, non tutti i consumatori sono convinti dell’affidabilità di questo sistema. Che sia per la procedura 100% online o per l’assenza dell’intermediazione bancaria, molti sono infatti i pregiudizi su questa tipologia di finanziamento, spesso ritenuto poco sicuro. Ma è davvero così o si tratta, appunto, di pregiudizi? Scopriamolo insieme.

Tutti i vantaggi dei prestiti online

Il grande vantaggio di questa tipologia di finanziamento è quella di essere richiedibile online, in alcuni casi senza nemmeno bisogno di stampare e rispedire alcun modulo. Inoltre, è possibile ricevere l’esito in poche ore e, nel caso in cui sia positivo, l’intera cifra ti sarà accreditata in massimo 48 ore.

Da non sottovalutare è anche l’aspetto della convenienza: proprio per la loro natura digitale, queste piattaforme sono in grado di proporre tassi di interesse più vantaggiosi di quanto potrebbe fare una banca, con filiali e molto personale a carico.

Come funzionano i prestiti online tra privati?

I prestiti tra privati funzionano in modo molto semplice. Vi sono infatti delle apposite piattaforme online, che svolgono un servizio di intermediazione tra chi è disposto a prestare denaro per ricavarne degli interessi e chi invece ha bisogno di credito.

Per richiedere un prestito ti basterà quindi accedere a una di queste piattaforme e compilare la richiesta di finanziamento, indicando cifra e durata desiderati e tutte le altre informazioni utili a valutare il tuo livello di affidabilità creditizia.

Sebbene le procedure siano più snelle, i requisiti necessari per ottenere un prestito tra privati sono infatti gli stessi dei normali finanziamenti bancari: occorre quindi avere un reddito dimostrabile e non essere stati segnalati come cattivi pagatori in passato.

A questo punto il sistema esaminerà la tua richiesta e ti fornirà l’esito entro poche ore. In caso di esito positivo ti verrà inviata una proposta di contratto, che potrai accettare o meno. Se le condizioni proposte ti soddisfano, riceverai l’accredito della somma entro due giorni al massimo, direttamente sul tuo conto corrente. A partire da questo momento pagherai le rate tramite addebito automatico e sarà compito della piattaforma suddividerle nelle varie quote spettanti a ciascun prestatore.

I prestiti tra privati sono sicuri?

Come avrai intuito, i prestiti tra privati sono un’alternativa sicura ai finanziamenti bancari tradizionali, proprio perché si avvalgono di sistemi informatici e piattaforme altamente specializzati. Chi chiede un prestito online non rischia quindi che i suoi dati vadano rubati.

Non solo chi riceve il prestito, ma anche chi presta il denaro è ben tutelato. I richiedenti vengono infatti valutati e classificati in base al livello di rischio del proprio profilo: più alto è il rischio, maggiore sarà il tasso di interesse. Ogni prestatore potrà quindi scegliere i livelli di rischio e di guadagno desiderati, a seconda delle proprie esigenze e disponibilità.

Inoltre, per tutelare maggiormente ogni prestatore dal rischio di insolvenza è stabilito che l’investimento venga diviso in piccole quote, che saranno fatte confluire in prestiti diversi. In questo modo ogni prestatore potrà diversificare il proprio portafoglio di investimento e, anche in caso di problemi nel recupero del credito, non rischierà di perdere ingenti somme di denaro.

Condividi

FacebookTwitterLinkedin
© AntWorks - siti e software web 3 Media Studio Web Design