Area riservata

24 Ottobre 2017

Con l’abolizione del tacito rinnovo è più semplice cambiare compagnia assicurativa, ma esistono ancora dei vincoli. Ecco quali.

La recente abolizione del tacito rinnovo nel ramo delle assicurazioni auto ha senza dubbio semplificato le procedure previste in caso di disdetta della polizza RC auto. Infatti fino a qualche tempo fa era necessario aspettare pazientemente l'avvicinarsi della data di scadenza del contratto e muoversi con un certo anticipo, proprio per evitare il rinnovo automatico del contratto.  Con la recente attuazione dell'ultimo Ddl Concorrenza le cose sono cambiate, e per una volta sembrano giocare a favore degli automobilisti.

Quali sono le ultime novità in materia di tacito rinnovo?

L'abolizione del tacito rinnovo non favorirà solo la concorrenza del mercato assicurativo, ma renderà gli automobilisti molto più liberi di scegliere con quale compagnia sottoscrivere il contratto per la propria polizza auto. Il provvedimento ha abolito anche l'obbligo di inviare alla compagnia assicurativa una comunicazione scritta - tramite raccomandata - per segnalare l'intenzione di non rinnovare la polizza. Le compagnie dovranno invece segnalare al cliente l'avvicinarsi della scadenza della polizza e inviare con il dovuto anticipo l'attestato di rischio, almeno 30 giorni prima.

Anche la questione delle garanzie accessorie ha subito degli cambiamenti. Infatti l'abolizione del tacito rinnovo sarà estesa anche a questo campo, ma solo a condizione che queste particolari polizze siano inserite nello stesso contratto della polizza auto oppure siano state stipulate attraverso un altro contratto, ma sempre contestuale alla sottoscrizione della propria RC auto.

Inoltre alla scadenza del contratto di assicurazione saranno garantiti a tutti gli automobilisti 15 giorni di tolleranza. Quindi se l'automobilista non ha ancora rinnovato o attivato un nuovo contratto assicurativo, potrà avere ancora del tempo per valutare delle soluzioni alternative.

Occorre segnalare che ci sono dei casi specifici in cui è possibile disdire il contratto prima della scadenza, ovvero in caso di furto, vendita o rottamazione dell'auto. In casi del genere si può richiedere alla compagnia assicurativa anche l'ammontare del premio non goduto.

Si può disdire il contratto della polizza RC auto prima della scadenza annuale?

Sebbene l'abolizione del tacito rinnovo abbia semplificato le procedure, esistono ancora dei vincoli in materia di contratti assicurativi. Infatti cambiare la compagnia assicurativa prima della scadenza annuale è praticamente impossibile e richiederà comunque il pagamento del premio annuale. Occorre precisare che la ragione principale di questo vincolo è da rintracciare nel rilascio dell'attestato di rischio, che potrà essere fornito all'automobilista solo al termine dei 12 mesi, in corrispondenza della scadenza annuale della polizza.

Condividi

FacebookTwitterLinkedin
© AntWorks - siti e software web 3 Media Studio Web Design