Area riservata

14 Giugno 2019

La Casa del Consumatore ti aiuta ad insinuarti al passivo e a interrompere i finanziamenti

Ormai è storia nota, la catena di grandi magazzini di mobili e accessori per la casa, Mercatone Uno, è stata dichiarata fallita dal Tribunale di Milano con sentenza del 23 maggio scorso. Il fallimento, oltre a riguardare i circa 1.800 dipendenti dell’azienda, interessa anche le sorti di tutti i clienti che, ordinata, pagata (ma non ricevuta) la merce, si trovano ora ad avere a che fare con la procedura fallimentare.

Che cosa fare dunque per recuperare i propri soldi, o interrompere le rate del finanziamento?

Ovviamente la questione riguarda chi ha ordinato mobili o altra merce pagando il prezzo o un acconto e non ha ancora ricevuto la consegna dei beni ordinati.

La procedura da seguire è differente a seconda del metodo di pagamento utilizzato. Vediamo quindi nel dettaglio come deve procedere chi si trova in questa situazione.

ORDINI PAGATI IN CONTANTI (O CON BONIFICO O BANCOMAT)

Se si è ordinata la merce e pagato in contanti (o con bonifico o bancomat) un acconto o il prezzo per intero, la richiesta di restituzione delle somme versate deve essere fatta con ricorso per insinuazione al passivo del Fallimento. Il ricorso va presentato alla procedura entro il 20 settembre 2019, data ultima per essere tempestivamente ammessi allo stato passivo del fallimento, che sarà esaminato dal Giudice Delegato all’udienza del 22 ottobre 2019. Il ricorso deve essere inviato via pec. Chi ha una casella pec può quindi presentare il ricorso da solo.

Casa del Consumatore ha predisposto un modello di facile compilazione che consente di creare da solo il ricorso e inviarlo alla procedura. Per compilare e scaricare il ricorso clicca QUI.

Se non si è in possesso di una casella pec o comunque si desidera che il tuo ricorso, prima di essere inoltrato, sia controllato dai legali dell’associazione, si può compilare il ricorso assistito al costo di 80,00 euro (comprensivi del tesseramento a casa del Consumatore). Il ricorso sarà verificato e quindi trasmesso direttamente dall’associazione al Curatore Fallimentare. Per compilare e scaricare il ricorso assistito, clicca QUI.

ORDINI PAGATI CON CARTA DI CREDITO

Se si è ordinato la merce e pagato con carta di credito un acconto o il prezzo per intero, il nostro consiglio è innanzitutto quello di verificare se la propria carta di credito offre una protezione sugli acquisti non andati a buon fine. Se così non fosse, anche in questo caso la procedura da seguire per tentare di recuperare i propri soldi è quella di insinuarsi al passivo del fallimento con le modalità spiegate sopra.

ORDINI CON PAGAMENTO A RATE

Se si è ordinata la merce e pagato il prezzo facendo un finanziamento presso Mercatone Uno, è possibile interrompere il pagamento delle rate e richiederne la restituzione, scrivendo alla finanziaria Agos Ducato, partner finanziario di Mercatone Uno. Anche per questa ipotesi i legali di Casa del Consumatore hanno predisposto una apposita lettera da inviare alla finanziaria per annullare il finanziamento, al costo di 30,00 euro, comprensivi del tesseramento all’associazione. In questo caso la compilazione e l’invio della lettera mediante pec o raccomandata con ricevuta di ritorno lo fa direttamente il consumatore. Per compilare e scaricare la lettera per la finanziaria clicca QUI.

Fatta questa richiesta, non è necessario insinuarsi al passivo del fallimento, perché ciò sarà fatto direttamente dalla finanziaria.

Per maggiori informazioni, consigli e aiuto è possibile contattare Casa del Consumatore allo 02/76316809.

Condividi

FacebookTwitterLinkedin
© AntWorks - siti e software web 3 Media Studio Web Design