Area riservata

13 Marzo 2009

L’Antitrust multa l’intesa sull’aumento dei prezzi della pasta

Una sanzione per complessivi 12,5 milioni di euro alle società accusate di aver creato un “cartello” sul prezzo della pasta: Amato, Barilla, Colussi, De Cecco, Divella, Garofalo, Nestlè, Rummo, Zara, Berruto, Delverde, Granoro, Riscossa, Tandoi, Cellino, Chirico, De Matteis, Di Martino, Fabianelli, Ferrara, Liguori, Mennucci, Russo, La Molisana, Tamma, Valdigrano, e Unipi – Unione Industriali Pastai Italiani.

Queste società sono accusate dal Garante di aver posto in essere un’intesa restrittiva della concorrenza finalizzata a concertare gli aumenti del prezzo di vendita della pasta secca di semola da praticare al settore distributivo.

L’Autorità ha sanzionato, con 1.000 euro, anche l’intesa realizzata da Unionalimentari – Unione Nazionale della Piccola e Media Industria Alimentare – che, in quanto associazione d’impresa, ha divulgato una propria circolare per indirizzare gli associati verso un aumento uniforme di prezzo.

Tale decisione ha quindi concluso un’istruttoria avviata il 10 ottobre 2007 (rivolta a un piccolo gruppo di aziende pugliesi) e allargata il 5 dicembre 2007 ai maggiori produttori italiani (28 imprese) con l’aggiunta delle due Associazioni di categoria.

Secondo l’Authority nel corso del 2006 e 2007 le società in questione avrebbero messo in atto due intese restrittive della concorrenza e quindi violato l’articolo 81 del Trattato Ce.

Negli ultimi due anni il prezzo della pasta è aumentato fino al 32,3%, e, secondo l’Antitrust, l’intesa realizzata da Unipi e dai 26 produttori è durata dall’ottobre 2006 almeno fino al primo marzo 2008.

Condividi

FacebookTwitterLinkedin
© AntWorks - siti e software web 3 Media Studio Web Design