Area riservata

07 Gennaio 2010

Ecco alcuni consigli

Gennaio, tempo di saldi! Le prime Regioni a dare il via a sconti e ribassi sono state Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sicilia e Veneto il 2 gennaio; a seguire Abruzzo e Liguria il 5 gennaio; Toscana e Umbria il 7 gennaio; la Sardegna l'8; mentre il 9 toccherà alla provincia di Bolzano, ad eccezione di Tires, Castelrotto, Ortisei, Santa Cristina, Selva Gardena del distretto di Bolzano e di Sesto, Marebbe, San Martino in Badia, La Valle, Badia, Corvara del distretto di Val Pusteria.
A chiudere il gruppo la Valle D'Aosta che partirà il 10 gennaio; mentre per la provincia di Trento i commercianti decideranno liberamente i periodi in cui effettuare i saldi con una durata media di 60 giorni.

Saldi attesi quest'anno dai consumatori, che affolleranno i centri commerciali, i negozi e gli outlet del nostro paese in cerca del capo firmato ribassato o dell'indumento che si è aspettato ad acquistare allo scopo di risparmiare qualche soldo.

Ma per non lasciarsi travolgere dalla frenesia dell'acquisto ribassato bisogna tenere a mente alcuni importanti accorgimenti.

Innanzitutto i capi scontati devono essere quelli di fine stagione e non capi di collezioni precedenti, perciò fate molta attenzione! Qualche settimana prima dell'inizio dei saldi controllate le vetrine o i capi che avete "puntato"; questi dovranno essere i medesimi che ritroverete in negozio al momento dei saldi, magari in meno taglie o colori disponibili.
Inoltre questo vi permetterà di controllare se il negoziante sta facendo saldi reali oppure no. Alcuni commercianti un po' disonesti, infatti, fanno lievitare di proposito il prezzo originario del prodotto in vendita, per poi fare finta di ribassarlo al momento dei saldi.

Fate sempre ben attenzione al cartellino che deve esporre obbligatoriamente e in maniera ben leggibile il prezzo prima dello sconto, la percentuale di sconto e il prezzo definitivo dopo lo sconto.

Naturalmente all'interno del negozio non tutta la merce deve essere messa in saldo. I capi delle nuove collezioni, però, devono essere collocati in maniera ben separata e distinta dalla merce in saldo con l'indicazione di "prodotto non in saldo" così da non creare confusione al consumatore, che potrebbe trovare delle brutte sorprese alla cassa al momento del pagamento.

La confusione che si trova nei negozi, al momento dell'acquisto, in particolar modo di vestiti o capi d'abbigliamento è sempre tanta e la frenesia di comprare altissima. E' proprio in questi momenti però che dovete stare più attenti e controllare che il capo che state acquistando non presenti difetti

Provate sempre ciò che desiderate comprare al fine di verificare che sia della giusta taglia e che vi soddisfi veramente.
Infatti, al contrario di ciò che pensano erroneamente molti consumatori, i negozianti non sono affatto tenuti a cambiarvi la merce comprata se una volta tornati a casa vi siete pentiti dell'acquisto fatto e non la volete più. Il cambio, che comunque molti negozi praticano, è esclusivamente a discrezione del commerciante e dovete sempre chiedere a lui se è possibile effettuare il cambio e quanti giorni avete per farlo.

Al contrario il negoziante è obbligato a cambiarvi il prodotto o a restituirvi l'importo pagato oppure ridurvi il prezzo nel caso si tratti di prodotto difettoso

A tal proposito conservate sempre lo scontrino d'acquisto.

Una cosa che molto spesso non controlliamo, ma che invece risulta essere fondamentale soprattutto per capi che avranno bisogno di successivi lavaggi in tintoria, è il controllo dell'etichetta. Ogni capo acquistato, per essere a norma, deve contenere sia l'etichetta di composizione che quella di manutenzione. Ciò è importante per evitare di danneggiarli nella pulitura a secco o in quella ad acqua fatta a casa.

Ricordatevi che la garanzia per i prodotti acquistati è sempre di due anni. E' bene quindi conservare gli scontrini facendo le dovute fotocopie per evitare sbiadimenti dell'inchiostro. In caso si riscontrasse un difetto di fabbricazione la garanzia va fatta valere entro sessanta giorni dalla scoperta.

Infine, un altro utile consiglio che vi diamo è di stare molto attenti all'utilizzo delle carte di debito (revolving). Queste infatti possono celare interessi molto alti, anche del 20-25%, rendendo così nullo lo sconto che avete ottenuto con i saldi.

Condividi

FacebookTwitterLinkedin
© AntWorks - siti e software web 3 Media Studio Web Design