Area riservata

15 Gennaio 2010

Associazioni di consumatori e Abi firmano accordo sulla sospensione dei mutui per le famiglie in difficoltà economica

Partirà il 1° febbraio 2010 l'accordo siglato il 18 dicembre tra Abi e Associazioni dei Consumatori (tra cui anche La Casa del Consumatore) che permetterà alle famiglie più in difficoltà di richiedere la sospensione delle rate di rimborso del mutuo per almeno 12 mesi.

L'accordo, siglato tra i rappresentanti di 13 Associazioni appartenenti al CNCU e dal Direttore Generale dell'Abi, Giovanni Sabatini, rientra nel "Piano famiglie" Abi che vuol favorire la sostenibilità del mercato dei crediti retail.

L'accordo prevede la sospensione del rimborso del mutuo per almeno 12 mesi, anche nei confronti dei clienti con ritardi nei pagamenti fino a 180 giorni consecutivi, relativamente ai mutui di importo fino a 150.000 euro accesi per l'acquisto, costruzione o ristrutturazione dell'abitazione principale nei confronti di coloro che avendo un reddito imponibile fino a 40.000 euro annui hanno subito o subiscono nel corso del biennio 2009 e 2010 eventi particolarmente negativi (morte, perdita dell'occupazione, insorgenza di condizioni di non autosufficienza, ingresso in cassa integrazione).

Questa è la misura minima cui le banche sono invitate ad aderire; ciascun istituto ha poi la libertà di offrire al cliente in sede di adesione al piano, condizioni migliori rispetto a quanto previsto dall'accordo.

La lista delle banche aderenti si trova pubblicata sul sito dell'ABI.

Una volta che il cliente inoltra la richiesta, partono i tempi tecnici per la verifica del diritto a ricevere la sospensione, che deve essere attivata entro 45 giorni lavorativi dall'accoglimento della domanda. La banca dovrà comunicare l'eventuale rifiuto entro 15 giorni lavorativi dalla presentazione del modulo.
L'Abi e le Associazioni dei Consumatori monitoreranno l'andamento dell'iniziativa nel corso del 2010 (almeno ogni sei mesi) per avere un quadro aggiornato e attualizzato della situazione.

ATTENZIONE!

1) Durante il periodo di sospensione di pagamento delle rate gli interessi continuano a maturare. Quindi attenzione a richiedere la sospensione nei soli casi di reale esigenza, perché dopo si deve pagare il conto alla banca!

2) Non è detto che la vostra banca aderisca all'iniziativa. Verificatelo allo sportello.

Qui in allegato trovate il testo integrale dell'accordo e la modulistica.

© AntWorks - siti e software web 3 Media Studio Web Design