Area riservata

11 Marzo 2011

La Casa del Consumatore difende i clienti

Anche Le Iene se ne sono occupate. Il caso Aiazzone, una colossale fregatura ai danni di migliaia di ignari clienti e malcapitati dipendenti e fornitori. La nostra associazione segue ormai da tempo questo ennesimo caso di mala impresa nostrana.

Sono centinaia le segnalazioni che ci sono giunte da clienti (non solo di Aiazzone ma anche di Emmelunga, sempre di proprietà Panmedia) che hanno ordinato mobili, versato caparre e attivato finanziamenti per poi ritrovarsi, dopo tante promesse e rinvii, senza merce, o con solo parte della merce o con oggetti diversi da quelli ordinati, o difettosi o altro.

Per tutti ricordiamo che:

- potete liberarvi da ogni vincolo contrattuale ed avere diritto al rimborso delle somme anticipate, inviando una diffida ad adempiere;

- se non avete ricevuto i mobili o ne avete ricevuta solo una minima parte, è vostro diritto interrompere il pagamento delle rate di finanziamento, ed anzi ottenere dalla finanziaria la restituzione delle somme già pagate. Dovete seguire una semplice procedura di invio di lettere, seguendo le nostre istruzioni; potete inoltre trasmetterci i vostri dati e la richiesta di sospensione delle rate: inviaremo subito la vostra richiesta a Fiditalia e in pochi giorni potrete ottenere l'immediata sospensione dell'addebito delle rate, evitando rischi di segnalazione alla CRIF: per inviarci le richieste dovete seguire una semplice procedura;

- se la finanziaria Fiditalia insisterà comuqnue nel richiedere le rate o si rifiuterà di risolvere i contratti di finanziamento con rimborso delle rate già pagate, potete fare ricorso all’Arbitro Bancario Finanziario della Banca d’Italia. Ci sono già altre decisioni favorevoli in casi simili, è una procedura rapida e poco costosa. Potete contattarci e vi spiegheremo come fare, facendoci direttamente noi carico della redazione e presentazione del ricorso.

Nel contempo abbiamo chiesto un incontro con Fiditalia per comprendere le ragioni della disapplicazione della legislazione vigente in materia di credito ai consumatori. Attendiamo risposta.

I nostri legali stanno infine valutando, alla luce di quanto già ci è stato segnalato e di quanto documentato dalle Iene, eventuali profili penali nei comportamenti di Aiazzone. Ci risultano peraltro già in corso alcune indagini da parte di varie procure. Vi preghiamo a tal fine di segnalarci tutti i vostri casi. Vi terremo informati sulle nostre iniziative e sulla possibilità di un esposto o azione collettivi.

Per ogni informazione e segnalazione potete scrivere sul nostro blog, contattarci o seguirci su facebook.

Leggi tutti gli articoli su Aiazzone.

Condividi

FacebookTwitterLinkedin
© AntWorks - siti e software web 3 Media Studio Web Design